fbpx

di Luciano Mossa – Vorrei che questo post venisse letto in chiave umana e non politica.

È solamente la condivisone di un pensiero alla “Luciano Mossa” che, per chi ormai ha imparato a conoscermi, non sarà poi questa grande novità.

È un concetto apartitico, non ha importanza da che parte ci si schiera quando si va a toccare la radice di tutti i problemi.
Chi lo condivide non ha colori.

Le persone oneste, che siano politici o amministratori, giornalisti, dipendenti pubblici o privati, artigiani e imprenditori, studenti, disoccupati o casalinghe, sanno tutti perfettamente qual è la causa di tutti i mali:

NON PRENDERE LE DISTANZE DAI DISONESTI E NON DENUNCIARE

Una riga e ho descritto il mondo intero.

Da chi volete che cominci?

Dallo studente che si impegna come un matto e vede il suo compagno che copia la tesi e alla fine si laurea con gli stessi voti se non di più?

Dall’imprenditore onesto che paga regolarmente le tasse e vede altri imprenditori che evadono o, ancor peggio, si garantiscono appalti pubblici votando il politico corrotto?

Da chi si fa il mazzo per vincere un concorso pubblico e si vede sorpassare dal raccomandato di turno?

Dai dipendenti pubblici che vanno a lavorare con senso di responsabilità (anche quando son malati) e vedono colleghi cosiddetti “furbetti del cartellino” che, oltre a non lavorare, son capaci di scaricare anche ore di straordinario e a fine mese percepire più di chi è corretto?

Ma alziamo il tiro!

Da amministratori onesti e preparati che si vedono scavalcare da incompetenti che vengono nominati nelle società partecipate o in ruoli dirigenziali solo perché raccomandati o perché si sono presentati a elezioni sostenendo forze politiche tutt’altro che trasparenti?

Da giornalisti che cercano di svolgere il loro ruolo con massima serietà e terzietà e vedono colleghi di altre testate elogiare i corrotti e tentare di penalizzare gli onesti?

Da politici che, anche se non si sono mai sporcati le mani nei sistemi affaristici, son capaci di fare accordi con altre forze ufficialmente colluse con mafia e ‘ndrangheta per “governi di scopo” al solo fine di conservare il loro ruolo e la loro “cadrega”?

Cosa hanno in comune tutte queste persone tra loro?

La stessa identica cosa: Non prendono le distanze e non denunciano.

Perché se ogni qualvolta che qualcuno, a fianco a noi, compie un reato, una furbata o una scorrettezza al fine di trarne profitto a svantaggio di altri e noi vediamo, sappiamo ma stiamo zitti e non denunciamo, siamo complici di questo sistema, semplicemente perché lo accettiamo passivamente o, addirittura, approfittiamo di esso, anche se in minima parte, per trarne vantaggio.

Attenzione perché questo discorso vale per tutti, NESSUNO escluso.

So che chi leggerà questo post si sentirà, in qualche modo, tirato in ballo. Le ingiustizie chi più o chi meno le abbiamo vissute tutti.

Non ve la prendete e seguite un consiglio che a me ha cambiato la vita e son sicuro che cambierà anche la vostra e forse quella di tutti!

Abbiate meno paura di denunciare e più voglia di cambiar le cose!

#inguarbilesognatore

Movimento 5 Stelle Valle d'Aosta

Unisciti alla nostra Newsletter! Riceverai aggiornamenti sui nostri comunicati stampa, agli eventi organizzati sul territorio e su eventuali campagne elettorali in corso! Potrete velocemente accedere ad articoli, video, sondaggi su i temi più importanti e non perdere gli incontri in programma. Contribuisci con le tue idee!

Do il consenso al trattamento dei dati personali!

Registrazione avvenuta con successo!

Share This