fbpx

Nel pomeriggio di oggi, mercoledì 22 maggio 2019, il Consiglio regionale ha discusso una mozione dei Consiglieri del Movimento 5 Stelle, Luciano Mossa e Manuela Nasso, che intendeva impegnare la Giunta regionale a sollecitare il Governo nazionale affinché la legge 104/92 venga aggiornata consentendo che l’agevolazione IVA al 4% sia applicata anche all’acquisto di auto elettriche per i cittadini valdostani diversamente abili, cosa attualmente non prevista a causa di una carenza normativa da colmare in maniera urgente.

«Tutti i Consiglieri, a parole, si sono detti d’accordo – commentano i Consiglieri del M5S -. Salvo poi, sia da parte dei colleghi della maggioranza che di quelli dell’opposizione di Lega e Mouv’, chiedere per quale ragione si dovessero percorrere le normali strade istituzionali, quando gli esponenti del M5S avrebbero potuto alzare il telefono e intercedere presso il Governo nazionale affinché intervenisse sul tema. A nulla è valso il nostro tentativo di spiegare ai colleghi che la pratica degli “amici degli amici” non è una modalità corretta, ma un mal costume che ha minato la normale dialettica democratica fino al dilagare di pratiche corruttive di cui sono accusati molti esponenti politici valdostani, con grave disonore delle istituzioni regionali.»

Nel tentativo di ascoltare le ragioni esposte dalle controparti, il gruppo consiliare del M5S ha votato favorevolmente la risoluzione della Giunta regionale che chiedeva di impegnare i parlamentari valdostani nel sostenere le richieste avanzate, immaginando che questo avesse come logica conseguenza l’approvazione della mozione pentastellata da parte della maggioranza e il conseguente impegno della Giunta regionale a far valere i diritti dei valdostani diversamente abili presso il Governo nazionale.

«Così non è stato, perché la logica non fa parte di questa maggioranza – dicono i Consiglieri -. E tanto meno di una certa opposizione, vedi Lega e Mouv’, che fanno strame del ruolo e dei compiti della Regione Valle d’Aosta e si affidano alle scorciatoie e alle pratiche clientelari.»

E si chiedono: «Perché mai il diritto dei cittadini diversamente abili valdostani ad avere agevolazioni sull’acquisto di auto elettriche dovrebbe passare da scorciatoie, da scambi di favori? Oppure dobbiamo pensar male, che come dice il vecchio adagio quasi sempre ci si azzecca, la Giunta regionale non vuole rinunciare ai minori introiti dell’IVA a favore dei disabili?» 

«È una questione di metodo, quella di voler seguire le vie istituzionali normali – concludono i Consiglieri -. Si chiama metodo democratico. Quello degli “amici degli amici” come potremmo chiamarlo?»

Movimento 5 Stelle Valle d'Aosta

Unisciti alla nostra Newsletter! Riceverai aggiornamenti sui nostri comunicati stampa, agli eventi organizzati sul territorio e su eventuali campagne elettorali in corso! Potrete velocemente accedere ad articoli, video, sondaggi su i temi più importanti e non perdere gli incontri in programma. Contribuisci con le tue idee!

Do il consenso al trattamento dei dati personali!

Registrazione avvenuta con successo!

Share This