fbpx

di Manuela Nasso – Apprendo dagli organi di stampa con infinita preoccupazione che la Regione Autonoma Valle d’Aosta non può costituirsi parte civile per dei vizi di forma. (inserisco nei commenti dei links sulla notizia).

Secondo il giudice la richiesta avrebbe dovuto vedere al precedente appuntamento la presenza in aula del Presidente della Regione.

È così. Siamo quindi stati esclusi (come regione appunto) dalla costituzione di parte civile nel processo di n’drangheta per vizi di forma: ciò è assurdo e molto grave.

In una mia interpellanza discussa nella seduta consiliare del 21 novembre avevo voluto porre l’attenzione proprio sulla procedura per la costituzione di parte civile della Regione nell’inchiesta Geenna e avevo sottolineato l’importanza di questa azione nell’ottica di dare un forte segnale di scelta di legalità e di stigmatizzazione di comportamenti illeciti.

Faccio fatica a pensare che il presidente, che sapeva benissimo di essere indagato per voto di scambio elettorale politico-mafioso, mi abbia risposto come se nulla fosse ed elogiando i valori della legalità bla bla bla…ci vuol coraggio.

Abbiamo perso un’occasione importante

Movimento 5 Stelle Valle d'Aosta

Unisciti alla nostra Newsletter! Riceverai aggiornamenti sui nostri comunicati stampa, agli eventi organizzati sul territorio e su eventuali campagne elettorali in corso! Potrete velocemente accedere ad articoli, video, sondaggi su i temi più importanti e non perdere gli incontri in programma. Contribuisci con le tue idee!

Do il consenso al trattamento dei dati personali!

Registrazione avvenuta con successo!

Share This