fbpx

Nell’illustrazione della mozione ho evidenziato che, secondo la FAO, (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) gli allevamenti intensivi sono responsabili di almeno il 18% delle emissioni di gas serra a livello globale, in più utilizzano anche tantissima acqua sia per gli animali che per coltivare mais e soia che verranno poi utilizzati come mangimi.

Vi sono diversi fattori responsabili della generazione di gas serra implicati nella produzione zootecnica. Il metano originato dal processo digestivo degli animali allevati rappresenta il fattore principale, contribuendo per il 55% del totale delle emissioni prodotte nel settore zootecnico ma un’altra importante causa di emissione di gas nocivi collegata all’allevamento è la distruzione delle foreste: la deforestazione e la desertificazione provocate dall’industria zootecnia contribuiscono per il 35% del totale delle emissioni prodotte nel settore dell’allevamento. Le piante assorbono e convertono CO2 nel processo di fotosintesi clorofilliana: quando muoiono, o quando vengono abbattute o bruciate, rilasciano nell’atmosfera il carbonio accumulato anche nel corso di centinaia di anni. La sola foresta amazzonica contiene, nei propri alberi, circa 75 miliardi di tonnellate di carbonio: quando gli alberi vengono abbattuti e bruciati per fare posto al pascolo o alle coltivazioni ad uso zootecnico, emettono nell’atmosfera elevate quantità di CO2.

Anche se il problema degli allevamenti intensivi non tocca direttamente la Valle d’Aosta perché la zootecnica e l’agricoltura adottate nella nostra regione sono sostenibili e gli allevamenti garantiscono la salute e il rispetto delle condizioni di vita degli animali nonché la salvaguardia e il mantenimento dei pascoli valdostani, questo non rende però i nostri cittadini immuni dal consumo di carni provenienti da altre regioni, da altri stati e dagli allevamenti intensivi, ma soprattutto questo non ci rende immuni dagli effetti dei cambiamenti climatici anzi, ironia della sorte, siamo i primi a subirli, infatti anche se abbiamo allevamenti e coltivazioni eco-sostenibili i nostri ghiacciai si sciolgono davanti ai nostri occhi. Per quanto possiamo essere virtuosi il pianeta è uno ed è lo stesso per tutti e nessun posto al mondo è immune agli effetti dei cambiamenti climatici.

Come tutti ben sappiamo le carni non locali sono quelle più vendute anche sul nostro territorio, un po’ perché sono le più diffuse nei banchi alimentari, un po’ per economicità da parte di chi le acquista ma soprattutto perché molti cittadini sono ignari dei danni che i loro processi produttivi causano all’ambiente.

Molti ragazzi che partecipano alle varie manifestazioni per l’ambiente come i vari fridays for future, pur se chiaramente sensibili ai problemi relativi ai cambiamenti climatici fanno spesso uso e a volte abuso proprio di queste carni provenienti da allevamenti intensivi, semplicemente perché ignorano quali siano le conseguenze sull’ambiente.

Queste sono le principali motivazioni che mi hanno spinto a presentare questa iniziativa.

Il dispositivo della mozione, votato all’unanimità e con il plauso di AREV, impegna infatti il Presidente della Regione ad avviare una campagna di sensibilizzazione per la promozione del consumo consapevole di carne, dell’impatto ambientale derivante dai processi di produzione degli allevamenti intensivi, di quanto questi incidano sulle emissioni di gas serra e di conseguenza anche sui cambiamenti climatici e dei benefici ambientali ottenibili, oltre quelli salutari, prediligendo per la propria alimentazione una dieta bilanciata incentrata sul consumo di prodotti agricoli e zootecnici locali ed escludendo, di conseguenza, quelli di natura e provenienza incerta.

Movimento 5 Stelle Valle d'Aosta

Unisciti alla nostra Newsletter! Riceverai aggiornamenti sui nostri comunicati stampa, agli eventi organizzati sul territorio e su eventuali campagne elettorali in corso! Potrete velocemente accedere ad articoli, video, sondaggi su i temi più importanti e non perdere gli incontri in programma. Contribuisci con le tue idee!

Do il consenso al trattamento dei dati personali!

Registrazione avvenuta con successo!

Share This